X
<
>

Giuseppe Conte

Condividi:
1 minuto per la lettura

C’è qualcosa di ripugnante nel modo in cui i grandi papaveri dell’informazione – e le testate istituzionali – trattano oggi Giuseppe Conte, ex presidente del Consiglio, leader del M5S. Manco tempo di aver dato voce agli alti lai delle tante vedove – per non dire delle trasmissioni tivù in cui era omaggiato al pari di uno statista – e il vento, mutato, l’ha trasformato in un pupo su cui chiunque può permettersi di dargli una scoppola, e magari un calcio. Come in un gioco dell’oca il povero Conte dal 2 – il governo che lo vedeva trionfante di riconoscimenti autorevoli – è tornato all’1, il famoso Conte1 quando era l’inaffidabile populista. Tutto ciò a dimostrazione di quanto sia fondamentale avere la mano santa del Pd in testa ma tutto ciò – l’angelo passa sempre e sempre dice amen! – a monito anche di chi è pur sempre al di sopra di tutto. A cominciare dal Santo Padre. Sulla guerra non risponde all’agenda del Pd ed è già trattato al pari di un Ratzinger. Manca poco e manco Fabio Fazio lo chiamerà più.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE