X
<
>

Fabio Fazio intervista Enrico Letta a Che tempo che fa

Condividi:

DISPONIBILI a scendere a patti con Italia Viva e il centrodestra per modificare il Ddl Zan. E’ quello che ha detto il segretario del Pd Enrico Letta ospite ieri sera di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa.

«Noi abbiamo veramente un dovere verso la nostra società, dobbiamo portarlo avanti e approvarlo questo disegno di legge. Io sono stato molto rigido e questo ci ha consentito di arrivare all’aula del Senato, io chiederò ad Alessandro Zan, il padre di questa legge, di fare un’esplorazione con le altre forze politiche per cercare di capire le condizioni che possano portare ad un’approvazione del testo rapida, anche con modiche purché non siano cose sostanziali, ma mi fido di lui. Gli chiedo quindi di fare questo lavoro e mi fido delle scelte che farà».

Il segretario del Pd si dice fiducioso su una sintesi: «Si arriverà, sono sicuro, ad una possibilità di approvare il testo in tempi rapidi, se non lo facessimo pensi che tipo di rimbalzo negativo avrebbe nei confronti di tante parti della nostra società che si aspettano oggi una risposta sui temi dei crimini d’odio e sul tema della parità. Credo sia nostro dovere farlo, io lo sento profondamente. Chiederò a Zan di farsi carico di questo e arrivare al voto, poi ognuno si prenderà le proprie responsabilità, ma non voglio lasciare nulla di intentato, perché la legge possa essere veramente approvata e che tutti i capisaldi fondamentali della legge possano diventare realtà».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA