X
<
>

La foto postata da Giovanni Tocci alla piscina di Tokyo

Tempo di lettura < 1 minuto

LA NAZIONALE italiana di tuffi è arrivata a Tokyo e i tamponi eseguiti all’arrivo sono stati negativi per tutti. Davvero un sospiro di sollievo per la comitiva che ha viaggiato su un aereo sul quale c’era anche un giornalista freelance risultato positivo al COVID-19 dopo un tampone molecolare.

Gli atleti azzurri, così come lo staff tecnico, non sono mai venuti a contatto con il giornalista, sono tutti regolarmente vaccinati da tempo e hanno viaggiato su un aereo dotato, come da normative, di filtri purificanti, pertanto il rischio di contagio accidentale sarebbe stato comunque molto basso.

Il giornalista aveva presentato un tampone negativo al momento dell’imbarco: poi ha accusato dei lievi sintomi e ora alloggia in isolamento in un COVID hotel, dove resterà almeno una decina di giorni. I vicini di posto hanno effettuato il tampone e sono risultati negativi.

La positività è una delle 58 emerse in questi primi giorni di arrivi di atleti e delegazioni a Tokyo per i Giochi Olimpici, basate però su migliaia di tamponi effettuati. Al momento quindi nessuna preoccupazione per l’Italtuffi – Noemi Batki, Elena Bertocchi, Sarah Jodoin Di Maria, Lorenzo Marsaglia, Chiara Pellacani e Giovanni Tocci – che quotidianamente si sottoporranno a tamponi, ma dovrebbero riuscire a evitare la quarantena e di restare in isolamento senza potersi allenare.

Con loro sull’aereo anche i nuotatori Simona Quadarella, Annachiara Mascolo e Giulia Vetrano, la nazionale maschile e femminile di ciclismo, la squadra di basket maschile, la boxe femminile e gli atleti del lancio del peso.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA