X

Diego Armando Maradona

Tempo di lettura 2 Minuti

Erano le 17.47 del 29 aprile 1990 quando il Napoli si laureava campione d’Italia per la seconda, e sinora ultima, volta della sua storia. Il successo chiudeva la parabola del club ai tempi diretto da Corrado Ferlaino, dopo l’accoppiata scudetto/coppa Italia del 1987 e la coppa Uefa del 1989. Sarebbe seguita anche una Supercoppa italiana, la successiva stagione, a coronare l’ultimo grande acuto di una squadra meridionale nel nostro calcio.

Diego Armando Maradona fu protagonista assoluto di un campionato esaltante, con il Milan di Arrigo Sacchi e dei tenori olandesi a contendere il tricolore ai partenopei. Proprio per il valore degli avversari e la voglia di rivalsa dopo la sfortunata stagione 87-88 (che vide trionfare i rossoneri sugli azzurri) quello del 90 viene considerato da Ferlaino lo scudetto più bello della sua gestione.

LEGGI IL RICORDO DI FERLAINO

L’evoluzione delle ultime giornate di quel campionato raggiunse livelli altissimi di tensione ed emotività. L’8 aprile il Napoli – impegnato a Bergamo sul campo dell’Atalanta – seguiva a un punto il Milan, che giocava a Bologna. Una monetina lanciata dagli spalti della tifoseria orobica centrò la testa di Alemao. La partita venne interrotta e gli azzurri ottennero la vittoria a tavolino per 2-0, fra le polemiche. Il pari maturato a Bologna – nonostante un gol fantasma non assegnato ai felsinei – consentì al Milan di restare in testa, sia pur in coabitazione con gli avversari (la vittoria ai tempi valeva 2 punti). Le distanze rimasero inalterate nel successivo turno grazie alle rotonde vittorie di entrambe le compagini contro Sampdoria (battuta a San Siro per 1-0) e Bari (3-0 al San Paolo).

Il sorpasso maturerà in modo rocambolesco il 22 aprile. Il Napoli, grazie a una tripletta di Maradona, supera agilmente per 4-2 il Bologna. A Verona il Milan fatica. Passa in vantaggio nel primo tempo ma rovina tutto nel secondo tempo. Prima l’allontanamento di Sacchi per proteste, poi il pari di Sotomayor e i tre rossi a Rijkaard, Van Basten e Costacurta. A tempo scaduto arriverà il raddoppio degli scaligeri con Pellegrini. Il Napoli è solo in testa a una giornata dalla fine.

Il 29 aprile al San Paolo arriva la Lazio e la città è già vestita a festa. Il gol scudetto di si materializza dopo appena 7 minuti, Maradona pennella l’assist e Baroni insacca alle spalle del portiere laziale. Finisce 1-0, senza particolari sussulti, ma tra i cori gioiosi dei tifosi azzurri, che poche ore dopo invaderanno la città.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares