X

Tempo di lettura < 1 minuto

 Accoglienza dei migranti in Campania: l’Anac ha concluso l’indagine avviata nel 2015 ed ha inviato gli atti alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti. Sotto i riflettori dell’Autorità nazionale anticorruzione sono finiti i servizi di accoglienza dei migranti e la gestione dei pocket money nel periodo di attività che va dal 14 aprile del 2011 al 31 dicembre dell’anno successivo.
    Per l’Autorità nazionale anticorruzione, guidata da Raffale Cantone, la consegna dei pocket money, ovvero il ‘buono’ sociale di 2,5 euro che viene assegnato ad ogni migrante per le piccole necessità quotidiane, non è avvenuta in conformità del contratto sottoscritto in quanto non sarebbero state raccolte le firme di avvenuta ricevuta.
   

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares