Tempo di lettura 2 Minuti

Cinque gli indagati per la morte di Carmelina Quattromani, 74 anni, di Lattarico, deceduta all’Ospedale dell’Annunziata dov’era giunta in gravi condizioni dopo essere stata aggredita da un branco di cani. Il magistrato della Procura della Repubblica di Cosenza, Giuseppe Cava, ha iscritto nel registro degli indagati i proprietari degli animali che mercoledì scorso si sono avventati contro la sfortunata donna riducendola in fin di vita.
All’identità delle cinque persone si è risaliti a seguito dell’individuazione e della cattura delle bestie. Un solo cane, pare, sia risultato essere un randagio tant’è che è stato trasferito all’interno del canile di Mendicino mentre gli altri sono stati affidati ai rispettivi padroni i cui nomi, appunto, sono stati inseriti nel fascicolo aperto dalla Procura bruzia che ha ipotizzato il reato di omicidio colposo.
Non è escluso che, a seguito delle risultanze degli accertamenti che stanno ancora svolgendo i Carabinieri della locale stazione e la Polizia Municipale, il numero degli indagati possa aumentare. Questa mattina, intanto, presso gli uffici della Procura, il magistrato titolare dell’inchiesta, Giuseppe Cava, conferirà l’incarico al medico legale per l’esame autoptico che sarà eseguito nel primo pomeriggio nell’obitorio dell’Annunziata dove la salma si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.
I fatti risalgono a mercoledì scorso quando la donna, intorno alle 17 viene assalita all’improvviso da un branco di cani davanti casa, in Via Santa Croce, a Palazzello di Lattarico. Le bestie si avventano contro la malcapitata che in quel momento è sola. Inutile il tentativo di difendersi e svincolarsi dalla morsa degli inferociti animali. Un signore in transito con l’auto vede l’anziana a terra attorniata da tre o quattro cani di cui uno nero e molto grosso che l’azzannava ripetutamente. Soccorsa, è portata all’Annunziata viene dapprima operata per la ricomposizione delle parti dilaniate del corpo, poi il coma e la rianimazione e dopo tre giorni di agonia l’anziana è morta per arresto cardiaco.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •