Il tribunale di Torino

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

TORINO – Proseguno le inchieste contro la ‘ndrangheta anche fuori dalla Calabria. La Direzione distrettuale antimafia di Torino, infatti, ha chiesto il rinvio a giudizio per 30 persone al termine dell’inchiesta ‘Barbarossa’ sulla locale di ‘ndrangheta esistente ad Asti.

L’indagine in questione era stata condotta dai carabinieri di Asti e coordinata dai pubblici ministeri Paolo Cappelli e Stefano Castellani.

Tra le varie accuse di cui dovranno rispondere i 30 indagati c’è il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso ma i pm ipotizzano anche reati legati al traffico di droga, alle estorsioni, alle rapine e ai furti ai danni di imprese astigiane.

Inoltre, tra le carte dell’inchiesta, sono emerse inforazioni circa il fatto che presunti appartenenti alle cosche di ‘ndrangheta controllavano l’Asti Calcio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •