Mezzi incolonnati in una Potenza sommersa dalla neve

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

POTENZA – I meteorologi lo avevano annunciato, e alla fine la neve è arrivata. Da qualche ora Potenza è sotto la coltre bianca, con conseguenti disagi alla circolazione e rallentamenti anche nell’allestimento dello spettacolo previsto in piazza Mario Pagano per il Capodanno Rai.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Segnalati incolonnamenti e code da piazza della Costituzione, dove si procedeva di un metro ogni 5 minuti, e soprattutto la completa impreparazione – nonostante le previsioni meteo – della macchina amministrativa: niente sale sulle strade e neanche uno spazzaneve avvistato nei minuti successivi alla nevicata mattutina. 

GUARDA IL VIDEO DI ANDREA MATTIACCI

E poi c’è il problema del ghiaccio, che sta provocando ulteriori disagi e rischi sia per gli automobilisti che per i pedoni. In mattinata un’auto si è ribaltata e la foto e il video dell’incidente hanno fatto il giro del web, assieme a tanti altri episodi, suscitando l’indignazione per una situazione di generalizzata disorganizzazione nonostante l’allerta meteo – come detto – fosse abbondantemente annunciata. Qualcuno, come l’attore Mario Ierace, ha giustamente ironizzato sul «piano neve»: piano piano… 

In serata, il sindaco di Potenza Dario De Luca, in relazione al disservizio verificatosi nelle prime ore della mattinata a causa della presenza di ghiaccio sulle strade cittadine, ha fattoi sapere di aver «chiesto al presidente del CdA Acta SpA di fornirgli spiegazioni in merito alla intempestiva uscita dei mezzi spargisale. Contestualmente – si legge in una nota del Comune – gli ha chiesto di individuare le eventuali responsabilità, ai fini dell’adozione dei relativi provvedimenti disciplinari. A ogni buon conto, il sindaco si scusa con i cittadini di Potenza per i disagi patiti per tale disservizio e garantisce che saranno adottate, da parte dell’Amministrazione comunale, tutte le misure necessarie affinché tali problemi non abbiano a ripetersi in futuro». 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •