•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura 2 Minuti

MIGLIONICO – Parcheggi da pubblici a privati.
Diciannove posti auto coperti, situati nell’area di parcheggio comunale a ridosso del centro storico, presto diverranno di fatto privati. Dopo diverse sedute consiliari, il bando per l’assegnazione, in godimento esclusivo a 19 proprietari di auto che ne faranno richiesta, è stato pubblicato. Con il pagamento di 30 euro mensili, anticipati all’amministrazione trimestralmente, un contratto annuale ne sancirà l’esclusivo utilizzo da parte dell’assegnatario.
Il parcheggio di Porta Pomarico, costato sui 330.000 euro, è stato realizzato nel 2008. “Lavori di supporto e valorizzazione del turismo nel centro storico. Accordo di programma Pit Bradanica. Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea”, recitava il cartello di cantiere. Recuperando una scarpata 6 anni fa, 57 sono stati i posti auto che si sono resi disponibili per cittadini e turisti. Con questa decisione, assunta il 6 febbraio dalla maggioranza di centrosinistra con il voto contrario del Movimento 5 Stelle, i parcheggi a disposizione di turisti e cittadini si ridurranno di 19 unità. Un “Regolamento parcheggio” varato l’anno scorso e che innescò polemiche tra i favorevoli e contrari, sia sui social network che nelle varie discussioni fra consiglieri. I consiglieri d’opposizione del M5S, si astennero da ogni decisione in merito. «L’astensione – precisò allora il consigliere Signorella, è motivata dal fatto che non siamo del tutto convinti del vantaggio che porterà questa operazione di destinare i posti al coperto a “garage” in abbonamento». Ed oggi, dopo che la maggioranza del sindaco Buono viaggia spedita verso la cancellazione dei 19 posti auto pubblici, il gruppo consiliare del M5S è certo che questa scelta non sia sicuramente la più congeniale. Chi desidera il parcheggio privato, h24 e per 365 giorni, può prendere visione del regolamento ed entro il 27 marzo, farne richiesta. Poi, lucchetto e stallo e quel posto per il pubblico non sarà più in ballo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA