Tempo di lettura 3 Minuti

MATERA – «Abbiamo stravolto una città arrivando come uno tsunami, ma questi piccoli disagi verranno ripagati perché circa il 60 per cento degli italiani sarà sintonizzato a mezzanotte su Rai Uno e vedrà Matera.

È un’opportunità significativa, passare da vergogna nazionale a numeri così rilevanti», ha affermato Antonio Azzalini, capo struttura Rai, nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri nell’ex ospedale San Rocco.

Il Capodanno di Rai Uno si rivela, infatti, un’occasione enorme per Matera che recupera un protagonismo e consegna a ogni cittadino un momento di riscatto «da non intendersi però come spot», ha sottolineato il presidente della regione Basilicata Pittella, bensì «come un auspicio per creare diversi focus sulle molteplici eccellenze della Basilicata e del sud, da svilupparsi anche oltre il 2019 sempre con la Rai.

Dal canto nostro, però, dobbiamo saper meritare quest’opportunità perché è sempre meglio un evento di tale portata che trenta sagre della frittata senza alcuna visibilità nel mondo». 

E nel corso della conferenza stampa hanno preso la parola anche i tre personaggi televisivi di grande rilievo, che con una grande complicità hanno divertito i presenti: Claudio Lippi, Amadeus e Rocco Papaleo, i presentatori de “L’anno che verrà”.

«Un presepe a cielo aperto, ora capisco tutti i cinematografi che scelgono questa città», ha dichiarato Amadeus tra battute e sketch divertenti improvvisati con Claudio Lippi e Rocco Papaleo.

E si procederà “a braccio” anche nel corso della diretta di questa sera: «Abbiamo una saletta, ma non c’è un copione quindi non sappiamo cosa accadrà e lasceremo spazio all’improvvisazione.

Ci sentiamo quasi in gita scolastica», ha dichiarato Amadeus.

Un’alchimia quella che si è creata fra i tre, visibile anche ai più distratti, e quello maggiormente preso di mira dalle battute dei colleghi è proprio Claudio Lippi, o meglio, la sua età; che, dal canto suo, risponde con gesti scaramantici e con la sua tipica mimica facciale: «Un’incontinenza sentimentale, espressioni incontrollate frutto di un momento», ha affermato lo stesso Lippi, che proprio qualche ora prima ha affermato al “Quotidiano”: «Sono davvero contento che Matera abbia ottenuto il riconoscimento di Capitale della cultura europea perché spesso si pensa di venire e trovare dei Sassi per terra, mentre c’è tanta storia che il mondo deve conoscere e forse questa è una bella occasione.

È una città calda, con una gente eccezionale che meriterebbe ancora di più».

I tre conduttori hanno inoltre svelato che per ogni artista ci saranno tre esibizioni nella serata, non dimenticando le performance dello stesso Rocco Papaleo che ovviamente delizierà il pubblico con “Basilicata is on my mind”: «Mi è difficile sfuggire alle emozioni, nonostante io non ami cadere nella retorica.

Matera è un posto speciale e con questo appuntamento si cercherà ancora di più di uscire dall’empasse e dalla crisi che coinvolge anche i lucani». 

Un’alchimia speciale c’è stata anche tra le forze dell’ordine, come ha ricordato il prefetto Bellomo: una serata divertente per tutti che grazie alla coesione di Polizia, Carabinieri, Finanza, Vigili del fuoco, intende salvaguardare la sicurezza.

Non poteva certo mancare anche il sindaco della città che ospiterà il grande evento di Rai Uno, Raffaello De Ruggieri: «Una manifestazione eccezionale legata a un soggetto altrettanto eccezionale, la Rai.

La scelta della protagonista, Matera, non è casuale perché nasce dall’autorevolezza e dall’appeal che la città ha raggiunto e io sono orgoglioso di rappresentare la città in questo momento magnetico». 

Non ci resta che iniziare il conto alla rovescia verso l’appuntamento più atteso e che ha già ieri sera riempito la piazza per le prove.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •