Tempo di lettura 4 Minuti

Un tuffo nel mare del sapere per bambini, ragazzi e adulti alla scoperta delle meraviglie scientifico‐culturali dell’Università della Calabria. Questa, in sintesi, la descrizione della “Notte dei Ricercatori”, in programma, presso l’Università della Calabria, nella giornata del 26 settembre 2014, dalle ore 9:30, fino alle prime ore del giorno successivo.

L’organizzazione della “Notte dei Ricercatori” è frutto del progetto “SuperScienceMe”, presentato alla Commissione Europea nell’ambito della call “Marie Curie 2014” “European Researchers’ Night” (programma Horizon 2020). Il progetto, pertanto, è associato ufficialmente all’evento che si terrà in contemporanea in altre 300 Università europee. E nel campus di Arcavacata c’è anche il Quotidiano, che nel suo stand allestisce una redazione mobile dove, a mezzogiorno, si tiene la riunione con il direttore. Un’occasione per vivere il giornale in presa diretta, da seguire anche sui social con l’hashtag #UniQuo.

Tutto intorno, tra esperimenti, spettacoli, giochi, eventi sportivi, dimostrazioni, performance artistiche e degustazioni, i dipartimenti e le strutture dell’Università coinvolti offriranno ai visitatori un affascinante e coinvolgente viaggio all’insegna della passione per la ricerca e il trasferimento tecnologico.

Come sottolineato dal Rettore dell’Università della Calabria, Gino Mirocle Crisci, il principale obiettivo dell’evento è quello di presentare l’Università al territorio calabrese mostrando la vera natura, il volto che emerge dalla quotidianità. “Una Università – spiega il Rettore – dove si opera per il futuro della nostra terra, per il desiderio del cambiamento. Una Università dove, come in un qualsiasi altro posto di lavoro, si fatica, ci si lamenta, si alza la voce e la testa, ma anche dove si ride e ci si diverte. La “Notte dei Ricercatori” sarà metafora di tutto ciò e vogliamo condividere questi sentimenti con gli uomini, le donne, i bambini, gli zii, i nonni, le scuole, le aziende, insomma con coloro i quali vorranno onorarci della loro presenza”. “L’Università della Calabria … siamo voi” – sottolinea il Rettore.

“Voglio sentitamente ringraziare tutti coloro i quali hanno contributo per l’organizzazione dell’evento e, in particolare, FinCalabra per il sostegno finanziario concesso, a testimonianza di una particolare attenzione verso l’Università della Calabria da parte della nuova gestione” – conclude il Rettore.

Il programma della “Notte dei Ricercatori” è denso di esperimenti, spettacoli ed eventi.

Si inizierà con “Sperimenta la Ricerca”, a partire dalle ore 9:30 del 26 settembre 2014. Un programma di ben 82 visite, su prenotazione, dei laboratori dipartimentali, dei centri di ricerca, del Museo di Paleontologia, dell’Astrolabio, del Museo di Storia Naturale e dell’Orto Botanico dell’Università della Calabria.

I ricercatori guideranno i visitatori nel loro mondo, tra prove di laboratorio, per mostrare, ad esempio, come viene analizzato il DNA, come preparare cibi e bevande a partire da tessuti di bergamotto, come intrappolare e pilotare oggetti di dimensioni microscopiche, come produrre metano ed energia dagli scarti vegetali, come determinare il grado di durezza dell’acqua. Sarà mostrata la vettura da corsa progettata e realizzata dagli studenti di ingegneria. Saranno previsti, tra gli altri: seminari su temi quali l’Unione Europea, il Progetto Erasmus, la Costituzione, la Calabria e il suo patrimonio culturale; proiezioni di film di cinema d’autore in lingua originale; attività ludico-scientifiche per bambini. Anche il Rettore terrà un seminario sulla storia della geologia della Calabria.

Dalle ore 18:30 l’attenzione si sposterà sull’asse Pietro Bucci per il “Ponte della Ricerca”, iniziativa rivolta alla presentazione dei risultati e dei prodotti della ricerca dell’Università della Calabria ma anche di aziende private. Gli stand allestiti riguarderanno tre categorie: Stand Strutture (risultati delle ricerche condotte dai Dipartimenti e dai Centri dell’Università della Calabria); Che impresa la ricerca (prodotti innovativi, frutto della ricerca svolta dalle aziende private); i Corner, cioè, spazi informativi circa le politiche e gli strumenti di finanziamento a sostegno della ricerca e per presentare i risultati raggiunti nell’ambito di progetti europei e nazionali.

Il “Ponte della Ricerca” sarà animato anche da spettacoli di vario genere. Gruppi musicali, danzatori, cantanti, funamboli, artisti di strada coinvolgeranno il pubblico presente. La prima esibizione sarà quella del Coro Polifonico dell’Università della Calabria che avrà luogo alle 19:30 nella piazza del Rettorato.

La scelta degli spettacoli musicali che allieteranno la serata, è avvenuta in coerenza con lo spirito dell’iniziativa e con l’obiettivo di valorizzare la cultura, le radici e i suoni mediterranei, nonché favorire la contaminazione e la tolleranza tra i popoli. Il percorso artistico-culturale quindi, si snoderà lungo tutto il ponte, dal Centro Residenziale al Polo Tecnologico dell’incubatore d’impresa TechNest, proiettando il fruitore in una realtà che dalle tradizioni conduce all’innovazione.

 Eventi scientifici, spettacoli, ma anche sport alla “Notte dei Ricercatori”: due tornei, uno di tennis e uno di calcetto.

Infine, il concorso video-fotografico “Immagina la Ricerca”. A essere premiati saranno la foto e il video più belli realizzati durante la notte dell’evento.

 Gli spettacoli in programma sono:

ore 20:30
Takabum in concerto – Centro Residenziale
Concerto di musica classica per pianoforte di Giovanni Marsico- Biblioteca “E. Tarantelli”

ore 21:00
Shabd’ Express – Ponte Pietro Bucci
Massimo Garritano – Ponte Pietro Bucci
Rachele Andrioli & Rocco Nigro – Ponte Pietro Bucci

ore 21:30
Gavino Murgia Trio – Piazza Rettorato

ore 23:00
Sud Sound System – Piazza Vermicelli

ore 00:30
Citepò – Ponte Pietro Bucci

ore 01:00
Cesare dell’Anna e Opa Cupa – Piazza Rettorato

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •