Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – I militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno posto sotto sequestro una privata abitazione adibita a casa di riposo per anziani, gestita in maniera del tutto abusiva.

L’immobile, nel centro storico reggino, forniva ricovero a cinque anziane donne, ospitate in alcune camere prive dei più elementari requisiti strutturali come assenza di servizi igienici assistiti, presenza di barriere architettoniche, assenza di infermeria.

Secondo quanto emerso dall’indagine coordinata dalla Procura di Reggio Calabria, l’attività, che si protraeva ormai da tempo, era gestita da tre donne, tutte denunciate poiché prestavano la propria opera in assenza di ogni autorizzazione sanitaria, di pubblica sicurezza o comunale in violazione di quanto sancito dal Testo Unico sulle leggi sanitarie. Inoltre, le tre somministravano terapie senza essere in possesso di qualifiche o idonei titoli professionali, praticando l’esercizio abusivo della professione infermieristica.

Alle anziane donne trovate nella struttura, affette da gravi patologie psicofisiche, come attestato dal medico intervenuto al fine di verificare lo stato di salute delle stesse, prima dell’esecuzione del provvedimento, è stata garantita un’immediata diversa collocazione.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •