X
<
>

Condividi:

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Matteo Berrettini fatica ma va a avanti mentre si ferma Andreas Seppi. Aspettando Sinner, ci pensa il 25enne romano a tenere alti i colori azzurri sul cemento newyorkese di Flushing Meadows, seppur con qualche brivido di troppo visto che la spunta solo al quinto sul bielorusso Ilya Ivashka, numero 53 del ranking e reduce dal successo di Winston-Salem. Rispetto al successo ottenuto negli ottavi a Wimbledon lo scorso luglio, Matteo non riesce a prendere in mano il match, va sotto dopo aver perso il primo parziale al tie-break ma si aggiudica i successivi due set. Poi un altro passaggio a vuoto che il 27enne di Minsk capitalizza al meglio portando il match all’ultimo set dove alla fine la maggior classe dell’allievo di Vincenzo Santopadre viene fuori: 6-7(5) 6-2 6-4 2-6 6-3 dopo tre ore e 46 minuti di gioco il finale. Berrettini avanza in uno Slam dove vanta una semifinale (2019) verso un possibile quarto contro Novak Djokovic ma dovrà fare i conti ora con Oscar Otte, 28enne di Colonia alla sua prima volta nel main draw degli Us Open, che si sta specializzando nell’eliminare gli italiani. Dopo Sonego, infatti, anche Seppi deve arrendersi al tedesco numero 144 del mondo, infrangendosi per la quarta volta in carriera al terzo turno dell’Open a stelle e strisce. Il 37enne di Caldaro, al 65esimo Slam consecutivo (il 66esimo complessivo), cede per 6-3 6-4 2-6 7-5, in poco meno di due ore e mezza di gioco e saluta la Grande Mela. A Berrettini – che ha già sconfitto Otte nell’unico precedente al primo turno del Roland Garros 2018 – il compito di ‘vendicarlò.
Nella notte italiana due grandi sorprese nel tabellone maschile. L’enfant prodige spagnolo Carlos Alcaraz, il più giovane giocatore nella Top 400 del ranking Atp con i suoi 18 anni, stoppa la corsa di Stefanos Tsitsipas, numero 3 del mondo e del seeding: 6-3 4-6 7-6(2) 0-6 7-6(5), dopo 4 ore e 6 minuti di gioco, il finale a favore dell’allievo di Juan Carlos Ferrero. Fuori anche Andrey Rublev, appena due settimane fa finalista a Cincinnati, battuto al quinto da Frances Tiafoe, atteso ora dall’ottavo in salsa Next Gen con Auger-Aliassime. Ma l’eliminazione più eccellente si consuma fra le donne dove la campionessa in carica Naomi Osaka viene sbattuta fuori al terzo turno dalla 18enne canadese Leylah Fernandez per 5-7 7-6(2) 6-4. Tanti rimpianti per la giapponese, che era andata a servire per il match nel secondo set sul 6-5 prima di farsi rimontare. “Mi prenderò una pausa, non so quando giocherò la prossima partita”, ha annunciato. Avanti, invece, la seconda favorita del seeding Aryna Sabalenka, la campionessa 2019 Bianca Andreescu e l’oro di Tokyo Belinda Bencic, fuori invece Petra Kvitova.
(ITALPRESS).

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA