Tempo di lettura < 1 minuto

Due settori della discarica per i rifiuti urbani di Matera, esauriti, sono stati posti sotto sequestro dai Carabinieri, che hanno anche notificato sei informazioni di garanzia a quattro dirigenti del Comune e a due responsabili tecnici dell’impianto di compostaggio dei rifiuti stessi.
I militari hanno trovato rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi in zone dove non dovevano essere e hanno verificato che una parte della discarica, colma di rifiuti, non era stata chiusa definitivamente.
La discarica, nel suo complesso, comunque, è attiva, perchè una zona è rimasta libera dai provvedimenti decisi dal gip di Matera: di conseguenza, la raccolta dei rifiuti potrà essere garantita per almeno sei-otto mesi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •