X
<
>

Condividi:

Uno stop inaspettato quello della Liomatic Viola sconfitta fuori casa (76 – 69) sul parquet di un Bernalda. Per i ragazzi di coach Fantozzi una serata da dimenticare, soprattutto in difesa, settore che ha concesso troppo agli avversasi andati a canestro con una media percentuale molto alta.
I neroarancio rimangono comunque primi in classifica, ripresi dal Capo d’Orlando a quota 34. Gara quasi sempre in salita per la Liomatic, apparsa un po’ troppo nervosa e costretta al limitare il minutaggio degli esterni Ricci e Lorenzetti, non al meglio della condizione e per nulla determinati nel punteggio finale a confronto di un Bernalda che ha avuto quasi tutti i giocatori coinvolti in fase realizzativa. Con minori rotazioni a disposizione coach Fantozzi ha dovuto faticare più del previsto per far trovare la necessaria sintonia al quintetto. Dopo una prima metà di gara abbastanza equilibrata, il parziale del terzo quarto (65 – 55), ha messo in maggiore difficoltà i reggini, che pur avendo in Dalfini un valido punto di riferimento sotto canestro, non sono riusciti più a ricucire lo strappo. L’ultimo quarto i tentativi di recupero di Grasso e Padova sono risultati vani a fronte dei successivi canestri dalla distanza di Ottocento.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA