X
<
>

Sindacati

Tempo di lettura < 1 minuto

POTENZA – «Il tempo è scaduto: la Basilicata non può più aspettare”: è una delle considerazioni alla base della decisione di Cgil, Cisl e Uil di Basilicata di lanciare
“una mobilitazione generale» che si svolgerà nel prossimo mese di aprile «in modalità sia diretta che virtuale per consentire la massima partecipazione possibile delle persone, in tutti i comuni e i luoghi di lavoro della regione».

La mobilitazione è stata decisa dai segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil – Angelo Summa, Enrico Gambardella e Vincenzo Tortorelli – e da «oltre 78 tra dirigenti e segretari di categoria». L’obiettivo «è lanciare un messaggio chiaro al presidente Bardi e alla sua giunta: è indispensabile una revisione del metodo e della sostanza nella programmazione e nelle politiche economiche e finanziarie».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares