X
<
>

Vito Bardi

Tempo di lettura < 1 minuto

I lucani bocciano l’operato del presidente Vito Bardi ai tempi del Coronavirus. A dirlo sono i dati Swg, dove Bardi si piazza all’ultimo posto della classifica nazionale. I dati lucani vanno in controtendenza rispetto a quelli nazionali, dove i cittadini italiani premiano i comportamenti e le decisioni dei presidenti di Regione.

In cima alla classifica dei governatori più apprezzati quello del Veneto, Luca Zaia, seguito da quello dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e da quello del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga.

«Nel diffuso clima di incertezza e apprensione – spiega l’istituto di statistica – il livello di polemica si è abbassato e le persone si sono affidate agli amministratori più di quanto lo facessero di solito. Ne risulta una crescita generalizzata del gradimento dei governatori, con poche eccezioni».

Zaia è passato dal 66% delle preferenze di marzo 2019 al 79% del 2021, Bonaccini dal 62% al 72% e Fedriga dal 46% al 60%. L’unico presidente del Sud nella parte alta della classifica è il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, al quarto posto con il 57% delle preferenze (rispetto al 29% di due anni fa). Paga la gestione complicata dell’emergenza il presidente della Lombardia, Attilio Fontana che passa dal 55% del 2019 al 33% del 2021 piazzandosi al terzultimo posto in classifica, davanti solo a Christian Solinas (Sardegna) e Vito Bardi che sono comunque in crescita di consensi.

L’altro governatore ad aver registrato un calo, seppur contenuto, è quello della Liguria, Giovanni Toti.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares