X

Il sopralluogo di Ispra, Arpab e Regione Basilicata al Cova (foto ANSA)

Tempo di lettura < 1 minuto

La decisione dopo il sopralluogo di Ispra, Arpab e Regione Basilicata, che hanno redatto il documento

VIGGIANO (PZ) – Le attività di messa in sicurezza d’emergenza (Mise) al Centro oli Val d’Agri (Cova) di Viggiano (Potenza) dell’Eni – in cui vengono trattate decine di migliaia di barili di petrolio estratti nella zona ma che è bloccato dal 15 aprile scorso – avverranno da ora in poi seguendo quanto previsto da un “documento tipo” redatto da Ispra, Arpab e Regione Basilicata. È il risultato raggiunto durante un sopralluogo svolto nell’impianto, la cui attività è stata sospesa dalla Regione Basilicata per tre mesi dopo la scoperta di una fuoriuscita di petrolio di cui sono state trovate tracce al di fuori del recinto del centro oli.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares