Piazza Medaglia d'Oro a Ripacandida, con la stele dedicata a Sinisi (foto da Wikipedia)

Tempo di lettura < 1 minuto

Trentunenne di Ripacandida accusato di vilipendio: la bandiera era esposta vicina al monumento in onore di un caduto nella Seconda Guerra Mondiale

RIPACANDIDA (PZ) – Rivivendo la  delusione per l’assenza dell’Italia dai Mondiali di Russia, un  uomo di 31 anni è stato denunciato dai Carabinieri, a  Ripacandida (Potenza), dopo aver strappato per rabbia il  Tricolore esposto vicino al monumento in onore di un caduto  nella Seconda Guerra Mondiale.
 Il fatto è avvenuto la notte scorsa.

L’uomo ha agito dopo  aver visto in televisione la partita Brasile-Svizzera (1-1): la  rabbia per l’assenza dell’Italia – ha spiegato lui stesso ai  Carabinieri, oggi – lo ha portato a strappare la bandiera  italiana issata vicino al monumento che ricorda un sottufficiale  dell’aviazione, Vito Sinisi, caduto nella Seconda Guerra  Mondiale.

Stamani, vista la bandiera strappata, un dipendente  del Comune di Ripacandida ha denunciato il fatto ai Carabinieri. Gli investigatori sono risaliti all’uomo – che ha alcuni  precedenti per reati contro il patrimonio – e nella sua casa  hanno trovato il lembo strappato della bandiera. E’ stato  denunciato per vilipendio al Tricolore.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •