X
<
>

Teresa Fiordelisi, presidente del Cda della Bcc della Basilicata

Tempo di lettura 3 Minuti

Si è tenuta il 30 aprile scorso l’assemblea ordinaria dei soci 2021 della Bcc Basilicata, Credito cooperativo di Laurenzana e Comuni Lucani, che, facendo ricorso alla figura del rappresentante designato, nel pieno rispetto delle norme Covid-19, ha fatto registrare una significativa partecipazione della compagine sociale.

I soci, in gran numero (ben 446), hanno conferito delega al rappresentante designato, notaio Annamaria Racioppi, che in nome e per conto degli stessi ha manifestato nel corso dell’adunanza le istruzioni di voto pervenute per ciascun punto all’ordine del giorno.

L’avvocatessa Teresa Fiordelisi, che fa parte anche del Consiglio di amministrazione del Gruppo bancario cooperativo Iccrea banca Spa, quarto gruppo bancario italiano per dimensioni, cui Bcc Basilicata aderisce dal 2019, guiderà per il prossimo triennio la squadra con la cooperazione sia di nuove e valide figure professionali, sia di esperti professionisti che hanno già in passato ricoperto la carica di consigliere o sindaco, e che hanno contribuito alla crescita e allo sviluppo dell’istituto di credito non solo sul piano territoriale ma anche e soprattutto sul piano economico e sociale.

«Ancora una volta – si legge in una nota – Bcc Basilicata si conferma un “unicum” nel panorama bancario nazionale ed europeo in quanto “Banca rosa”, essendo prevalente la componente femminile in entrambi gli organi sociali».

Per il Consiglio di amministrazione sono stati nominati: Teresa Fiordelisi (presidente), Angela Baione, Giovanni Cafarelli, Rosa Maria Caprino, Lucia Cecere, Valentino Cestari, Maria Fatima Donadio, Antonio Domenico Gallicchio, Giuseppe Mitidieri, Luigino Panio e Silvia Ventimiglia (consiglieri).

Per il Collegio sindacale sono stati eletti: Carmelo Donnoli (presidente), Maria Teresa De Luca e Marta Lateana (sindaci effettivi), Laviero Laurita e Carmela Modrone (sindaci supplenti).

«L’Assemblea – prosegue il documento -, con voto unanime, ha poi approvato il bilancio di esercizio per l’anno 2020, che ha confermato la significativa crescita degli aggregati bancari e la peculiare solidità della banca: gli impieghi – tutti erogati sul territorio lucano – sono cresciuti del 16,17 per cento (+ 23,8 milioni di euro) confermando la politica della Banca di vicinanza al territorio e alle imprese e famiglie lucane anche in piena crisi pandemica; la raccolta è cresciuta del 13,64 per cento (+ 33,9 milioni), confermando la fiducia dei lucani nella solidità di Bcc Basilicata». 

L’incremento dell’utile di esercizio (+24,71 per cento) «ha consentito di rafforzare ulteriormente la dotazione patrimoniale della già solida Bcc, che ha raggiunto un patrimonio netto di 44,45 milioni e migliorato ulteriormente gli indicatori di solidità, con il Cet 1 e il Total capital ratio che hanno raggiunto il 31,76 per cento e il Texas ratio che è sceso ulteriormente al 10,64 per cento».

Infine, anche per l’anno 2021, l’Assemblea dei soci ha deciso di destinare parte degli utili di gestione al “Fondo Etico Bcc Basilicata”, «evidenziando e ribadendo uno dei principali scopi dell’istituto di credito, che si concretizza (come evidenziato dalla donazione, nel pieno dell’emergenza epidemiologica del 2020, di dieci ventilatori polmonari destinati alle Terapie intensive del Sistema sanitario regionale) nell’essere sempre più Banca vicina al territorio, pronta a investire per lo sviluppo economico, sociale e culturale della regione».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA