X
<
>

Il sindaco Guarente con i componenti della sua giunta il giorno in cui fu ufficializzata

Tempo di lettura 2 Minuti

POTENZA – «In settimana convocherò un incontro con tutti i componenti di Idea non solo i consiglieri comunali».

Così il sindaco Mario Guarente, contattato dal “Quotidiano del Sud”, in merito alle fibrillazioni generata dalla nota con cui il partito di fatto ha scaricato il suo assessore Marika Padula per la vicenda legata al bonus Covid-19. Vicenda del bonus che, probabilmente, è più un pretesto per far fuori Padula (assessore esterno ndr.) a favore dell’attuale consigliere Maria Vittoria Rotunno. Insomma negli ultimi mesi il sindaco e e alcuni esponenti della sua giunta (assessori Galella e Vigilante ndr.) sono oggetto del fuoco “amico”.

Ma il sindaco non avrebbe nessuna intenzione di mollare la presa e dare partita vinta alla fronda di Fratelli d’Italia vicina al coordinatore regionale Salvatore Caiata. In Fratelli d’Italia, infatti, già da tempo “gli ultimi arrivati” sono in rotta di collisione con il gruppo storico del partito che fa capo all’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa. Da qui la pretesa da parte del capogruppo in consiglio Michele Napoli di far fuori proprio l’assessore Alessandro Galella per prendere il posto. Barra dritta di Guarente anche nei confronti del gruppo consiliare di Idea che vorrebbe la testa di Marika Padula per favorire l’ingresso in giunta del consigliere Rotunno più vicina al partito rispetto all’assessore in carica che sarebbe stata imposta dall’alto al sindaco Guarente.

Guarente che comunque non ha intenzione di retrocedere di un passo anche rispetto a chi vorrebbe far fuori l’assessore Antonio Vigilante che comunque è entrato in giunta per volere proprio del sindaco a scapito di un assessorato in più alla Lega. Insomma se il centrosinistra, come è giusto che sia, fa il suo gioco il sindaco di Potenza si trova alle prese più con le grane che gli piantano alcuni esponenti della sua maggioranza consiliare rispetto a quelle di contrapposizione politica dell’opposizione.

Salvo colpi di scena, però, il sindaco di Potenza non ha nessuna intenzione di procedere a un rimpasto di giunta, come chiesto in aula mesi fa proprio dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Michele Napoli e come ora vorrebbe Idea dopo avere preso le distanze dalla Padula.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares