Tempo di lettura 3 Minuti

VENOSA (PZ) – Oggi e domani si svolge nella cittadina oraziana la dodicesima edizione del Festival dei Cinque Continenti. In programma una variegata e coinvolgente rassegna di spettacoli e arte, ideata dall’associazione culturale “Il Circo dell’Arte” e organizzata in collaborazione con l’Assessorato allo Spettacolo del Comune di Venosa.

Anche quest’anno l’iniziativa intende promuovere la conoscenza di tradizioni e culture di tutto il mondo, mescolandole con la storia locale rappresentata dai monumenti. Oggi il palcoscenico sarà fornito dalla splendida Piazza Castello, a partire dalla Fontana Angioina, Largo San Filippo Neri, Corso Vittorio Emanuele e Piazza Orazio. Giovedì 25 il palcoscenico sarà fornito dalla Chiesa Incompiuta della SS. Trinità.

A distanza di tanti anni , il suggestivo monumento tornerà a ospitare musica dal vivo con il concerto gratuito del trio Kinéma dal titolo “Le colonne sonore degli Oscar del cinema”, preceduto dall’esibizione del pianista e compositore Rocco Mentissi, che eseguirà propri brani originali. “Come sempre, anche per questa dodicesima edizione, ampio spazio all’interno del festival avranno gli spettacoli di circo contemporaneo e teatro urbano con artisti e compagnie internazionali- ci anticipa Pasquale Cappiello, Direttore artistico della manifestazione- Ad animare il centro storico di Venosa ci saranno il mimo argentino Ete Clown, protagonista in tv nel programma “Tu Si Que Vales”, con uno spettacolo di assoluta improvvisazione tipico dei grandi clown di strada, il duo italo-argentino Lannutti & Corbo, che fondono comicità, magia, acrobazia, trasformismo, poesia e follia, dalla Germania Willy Wonder, con uno show impostato sulle grandi abilità circensi e sull’interazione con gli spettatori, i percussionisti e danzatori messicani Quetzalcoatl, che proporranno uno spettacolo di fuoco e danze azteche al ritmo di tamburi”.

Previste anche incursioni nell’arte contemporanea, con la performance live di pittura dell’artista Vittorio Vertone, e nella musica, con il chitarrista acustico fingerstyle Marco Ielpo, che metterà in mostra le proprie abilità percussive. Altra grande sorpresa per il pubblico sarà la presenza nelle strade di Venosa della Takabum Street Band, collettivo di soli strumenti a fiato e percussioni che proporrà una miscela di suoni funk e easy, attraverso composizioni originali e riadattamenti dei più celebri brani della tradizione jazzistica americana e della canzone italiana. Giovedì il Festival si sposta nell’Incompiuta. A partire dalle ore 21.00, concerto ispirato alle grandi produzioni cinematografiche firmato Kinéma, ensemble composto da Roberto Jonata al pianoforte, Gilda Urli al violino, Francesca Favit al violoncello.

“Il trio- conclude Pasquale Cappiello- darà vita ad uno spettacolo in grado di offrire al pubblico un avvincente viaggio nelle musiche da film. In programma colonne sonore composte da autori del calibro di Hans Zimmer, John Williams, James Horner, Michael Nyman, Wim Mertens, utilizzate per celebri pellicole come “Il gladiatore”, “Mission impossible”, “L’ultimo samurai”, “Lezioni di piano” e molte altre ancora. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •