X
<
>

Il direttore generale del Picerno, Enzo Mitro

Tempo di lettura < 1 minuto

di FEDERICO PELLEGRINO

Scampata la penalizzazione in classifica. Dopo il deferimento avvenuto il 24 novembre scorso per responsabilità oggettiva, circa il secondo atto dell’inchiesta relativa alla combine della sfida tra Picerno e Bitonto del 5 maggio 2019, la società melandrina dopo essere stata retrocessa in Serie D a settembre, è stata multata di 10mila euro dal Tfn che si è riunito in mattinata per l’udienza avvenuta in remoto.

Inoltre sono stati squalificati Mimmo Giacomarro (ex allenatore all’epoca dei fatti) per 2 anni e 3 mesi e Nicola Tramutola (ex vice allenatore) per 1 anno e 6 mesi. E’ andata leggermente meglio per Pietro Chiaradia (ex consulente esterno della società e deferimento per omessa denuncia) inibito per sei mesi. Infine per l’ex dg Mitro (già inibito per 4 anni e nuovamente coinvolto nelle intercettazioni) c’è stata un’ulteriore squalifica di un anno.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA