X

Tempo di lettura < 1 minuto

«APPLICARE la deroga al mantenimento dell’Istituzione scolastica come per l’anno scolastico 2019/2020 e non applicare il sottodimensionamento per gli istituti che per l’anno scolastico 2020/2021 andranno in reggenza»: è la richiesta-appello che alcuni Comuni lucani rivolgono alla Regione Basilicata e alla ministra dell’Istruzione, Azzolina.

Le scuole interessate dal passaggio da normodimensionate a sottodimensionate sono: Istituto Comprensivo di Bella, Istituto Omnicomprensivo di Corleto Perticara, Istituto Comprensivo “Benedetto Croce” di Latronico, Istituto Comprensivo “Lavello II” di Lavello, Istituto Comprensivo di Satriano di Lucania e Istituto d’Istruzione Superiore “Isabella Morra” di Matera.

Tra le richieste anche quella di «attivare tutte le procedure necessarie all’assunzione di nuovi dirigenti scolastici per poter scongiurare le reggenze negli Istituti sottodimensionati per l’anno scolastico 2020/2021, in considerazione delle nuove linee guida per l’emergenza Covid».

I firmatari dell’appello sono il Presidente della Provincia di Matera Piero Marrese, il sindaco di Bella Leonardo Sabato e Vito Leone, presidente del Consiglio comunale; il sindaco di Satriano Umberto Vita e quelli di Barile (Antonio Murano), Brienza (Antonio Giancristiano), Corleto Perticara (Antonio Massari), Latronico (Fausto de Maria), Lavello (Sabino Altobello), Viggianello (Antonio Rizzo), Irsina (Nicola Massimo Morea), Policoro (Enrico Mascia), Tricarico (Vincenzo Carbone) e Tursi (Salvatore Cosma).

LEGGI ANCHE: IN BASILICATA SI TORNA A SCUOLA IL 14 SETTEMBRE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares