Tempo di lettura 3 Minuti

IRSINA – Grande serata teatrale, con Cinzia Clemente e la sua compagnia, nella sala Don Vito Manfredi dei locali della Parrocchia all’Immacolata. La Cooperativa Sociale “L’Abbraccio” ha inaugurato il nuovo anno organizzando uno spettacolo teatrale di beneficenza con Cinzia Clemente e la compagnia teatrale “Il teatro instabile” dell’Accademia Obiettivo Successo di Altamura, il cui ricavato è stato totalmente devoluto all’Unitalsi. Una serata vissuta all’insegna dell’amicizia e della cultura, nel più alto valore della solidarietà a favore dell’Unitalsi di Irsina, che a fine serata, ha potuto finalmente tracciare un consuntivo il soddisfacente risultato, per l’acquisto di un auto da utilizzare in favore dei diversamente abili dell’associazione. «L’Abbraccio ha voluto organizzare questa manifestazione – spiega la Presidente della Cooperativa Maria Carmela Lacarpia – per offrire un contributo al gruppo Unitalsi di Irsina a rendere concreto un obiettivo che da qualche tempo si proponeva: quello di acquistare un pulmino da utilizzare per il trasporto dei ragazzi disabili dell’associazione. L’acquisto del pulmino darebbe la possibilità ai ragazzi di partecipare agevolmente a tutte le iniziative che l’associazione organizza. Alla realizzazione di questo sogno, insieme alla Cooperativa Sociale L’Abbraccio, siamo lieti di informare che oltre ai cittadini, che hanno contribuito con la loro partecipazione e il loro affetto, in modo particolare la Cooperativa Sociale “Fratello Sole” che come al solito non fa mancare il suo apporto per tutti questi scopi a sfondo sociale. Hanno contribuito in modo concreto per la buona riuscita dell’iniziativa – continua Lacarpia – i volontari del Gruppo Unitalsi di Irsina, Paolo Zienna che ha condotto la serata con molta maestria, il tecnico della parrocchia, Angelo Diciocia, che ha messo a disposizione l’impianto fonico e Don Nicolino Mensano che ha dato la possibilità di utilizzare il salone della Parrocchia per realizzare lo spettacolo». La serata, fortemente motivata dalle intraprendenti performance del gruppo “Il Teatro Instabile ” coordinato e diretto dall’eclettica Cinzia Clemente, si è svolta con due rappresentazioni teatrali: “Magia napoletana”, una storia ambientata negli anni 50. Si tratta della storia di un giovane e bel regista che decide di creare una compagnia per proporre uno spettacolo innovativo, ma il tuttofare a cui si rivolge per fare le convocazioni degli attori, è un po’ bonaccione e un po’ furbacchione e combina guai». La seconda rappresentazione è stata “Marì”, storia di una Cenerentola Altamurana: una storia ambientata nei primi decenni del 1900 circa. L’azione si svolge in un claustro di Altamura, luogo dove, nel centro storico, si intrattengono amicizie molto strette, ma anche il pettegolezzo è protagonista. Tra i protagonisti della serata, anche i ragazzi del gruppo Unitalsi di Irsina, che hanno voluto dedicare agli spettatori alcuni pensieri sulla pace. E il risultato non si è fatto attendere: l’Unitalsi è finalmente riuscita a raggiungere la cifra necessaria per l’acquisto dell’atteso mezzo. «Vedere una intera comunità contribuire e partecipare con generosità e con cuore a questa iniziativa – conclude soddisfatta la presidente Carmela Lacarpia – anche in considerazione del momento di crisi economica, è stato un segnale di solidarietà che incoraggia tutti a proseguire per questo cammino».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •