Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto

CATANZARO – Ci sono anche l’ex sindaco del capoluogo etneo Enzo Bianco e il suo ex assessore alla Bellezza condivisa e ordinario del Dipartimento di Scienze Umanistiche Orazio Licandro tra gli altri 14 “nuovi” indagati nell’inchiesta “Università bandita” sfociata il 28 giugno scorso (LEGGI LA NOTIZIA) nella sospensione da parte del Gip del Rettore dell’Ateneo di Catania Francesco Basile e di altri nove professori con posizioni apicali nei Dipartimenti dell’Università etnea, tutti indagati per associazione per delinquere, corruzione e turbativa d’asta. Lo scrive il quotidiano La Sicilia.

I nomi di questi altri 14 indagati sono stati notificati dalla Digos della Questura avvisi di garanzia e contemporanea richiesta di proroga delle indagini emessi dalla Procura distrettuale. Bianco, secondo l’accusa, avrebbe ‘aiutatò Licandro, che insegnava a Catanzaro, ad ottenere la cattedra a Catania coinvolgendo le sue amicizie nell’ateneo.