X
<
>

La protesi sul paziente calabrese

Tempo di lettura 2 Minuti

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – E’ stata realizzata a Lamezia Terme la prima protesi con ginocchio elettronico costruita dal team tecnico del Centro Protesi Inail. Dopo le protesi con sistema piede-caviglia a controllo elettronico e gli esoscheletri riabilitativi, si arricchisce la tipologia di prestazioni protesiche ad elevata tecnologia che il Centro Inail è in grado di realizzare a Lamezia Terme.

Un risultato molto positivo, ha evidenziato l’istituto, che giunge ad un anno dall’avvio dell’attività dell’officina ortopedica, avvenuto nell’ottobre 2019 e che, nonostante il periodo di emergenza sanitaria, è costantemente cresciuta in qualità e in quantità grazie al modello operativo adottato, fatto di competenza, esperienza e collaborazione tra i centri protesici Inail. La stretta sinergia tra il Centro Protesi di Vigorso di Budrio e le Filiali, presenti a Lamezia Terme e a Roma, garantisce un’omogeneità di servizio a tutti gli assistiti, indipendentemente dal luogo in cui si trovano.

«Sono molto soddisfatto – afferma Giuseppe Iantorno, l’infortunato di Cosenza per cui è stata costruita la protesi con il ginocchio elettronico – inizialmente avrei voluto andare a Vigorso di Budrio e quando mi è stato prospettato di venire qui, confesso che avevo qualche perplessità. Ma mi sono dovuto ricredere, sono stato seguito egregiamente. Non è stato necessario che io andassi al Centro di Budrio per avere un servizio di qualità, perché il Centro di Budrio è venuto da me».

A Lamezia, il trattamento protesico viene realizzato in regime tecnico-ambulatoriale e inizia con la prima visita tecnico-sanitaria durante la quale l’équipe multidisciplinare formata da ingegnere, tecnico ortopedico, medico, infermiere, assistente sociale e psicologo elabora per ogni assistito un progetto personalizzato in cui sono indicati il presidio ortopedico più idoneo e i tempi di realizzazione.

 «Puntiamo molto sulla competenza del personale, sulla collaborazione tra strutture e tra diverse professionalità e naturalmente sull’utilizzo della tecnologia più evoluta – afferma Gregorio Teti, direttore dell’Area tecnica del Centro Protesi Inail di Budrio e delle Filiali di Roma e di Lamezia Terme.- Con il lavoro di squadra e con l’innovazione tecnologica prevediamo di potenziare l’attività del Centro Inail di Lamezia e di offrire un servizio di elevata qualità agli assistiti del territorio».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA