X

Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – La Calabria è la prima regione in Italia ad aver richiesto e ottenuto di poter utilizzare il Ruxolitinib per il trattamento di pazienti affetti da Covid19. Lo ha reso noto il dipartimento Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie della Regione Calabria .

La Regione ha evidenziato che «il farmaco, attualmente, viene usato in ematologia per le sindromi mieloproliferative croniche. Si tratta di una terapia sperimentale, partita lo scorso 27 marzo, autorizzata dal Comitato Etico regionale, che vede interessati, al momento, tre pazienti ricoverati presso il reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Cosenza. Per tutti e tre i pazienti si è notato un miglioramento clinico e dei dati obiettivi di laboratorio, mentre due di loro non hanno più avuto bisogno di ossigeno dopo due giorni di trattamento».

Lo studio è stato ideato dai dottori Mendicino e Botta dell’Unità operativa di Ematologia di Cosenza e dal professore Marco Rossi dell’Università Magna Graecia e sarà esteso, ha aggiunto la Regione, anche, agli altri ospedali della Calabria.

«Pur con le dovute cautele – conclude la nota – i primi dati sembrano essere molto incoraggianti. Pertanto si prevede nei prossimi giorni di poter trattare un maggiore numero di pazienti».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares