X
<
>

La sede della Regione Calabria

Tempo di lettura 2 Minuti

CATANZARO – Una delegazione di lavoratori in mobilità in deroga ha manifestato davanti la sede della Regione Calabria, a Catanzaro, per chiedere certezze sul proprio futuro occupazionale e sul riconoscimento del proprio percorso di formazione.

Durante la giornata sono in programma due tavoli tecnici, uno alle 11 e l’altro alle 15,30, tra l’assessore regionale al Lavoro e tutte le organizzazioni sindacali, per questo il presidio durerà l’intera giornata.

«Dopo dieci anni di formazione e lavoro nero – ha spiegato all’AGI Giovanna Mercurio, tirocinante negli uffici della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro – i nostri attestati non valgono nulla. Abbiamo lavorato per cinquecento euro al mese e senza alcun diritto, convinti che ci sarebbe stato riconosciuto quello che abbiamo fatto, ma non è stato così».

Mercurio ha anche sottolineato che «durante la giornata di oggi si parlerà anche del precariato storico, ma a noi lavoratori in mobilità non è stato riconosciuto nemmeno lo stato di precariato».

Respinta la proposta avanzata dalla Regione di utilizzare questa formazione per l’inserimento nel mondo del lavoro dei privati: «Abbiamo svolto tutta la formazione negli enti pubblici, non avrebbe senso reinvestirlo nel privato dove non c’è modo di assorbire ben settemila persone».

Per dieci anni, infatti, questi precari hanno lavorato con progetti semestrali o annuali negli enti pubblici della Calabria, diventando una vera e propria ancora di salvataggio per tutti quei piccoli enti che soffrono di carenza di personale. I lavoratori in mobilità in deroga sono diventati, quindi, indispensabili soprattutto in tanti Comuni, ma non hanno mai ricevuto garanzie sul proprio futuro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares