Il regista catanzarese Alessandro Grande

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – Il corto “Bismillah” diretto dal regista Alessandro Grande, cineasta catanzarese, ha vinto il Premio David di Donatello 2018 nella categoria corti. A decretare il vincitore della cinquina finale è stata la giuria dei cortometraggi presieduta da Andrea Piersanti.

DA “A CIAMBRA” A GIANNI AMELIO: LA CALABRIA AL DAVID

“Bismillah”, produzione nata a Catanzaro e che vede coinvolti oltre al regista la Indaco Film di Luca Marino, con il supporto della Fondazione Calabria Film Commission e del Comune di Catanzaro accanto a Rai Cinema, affronta il tema dell’immigrazione e racconta la vicenda della piccola Samira, 10 anni, che vive illegalmente in Italia con il padre e il fratello. La pellicola di Grande, selezionata tra 265 titoli partecipanti, rappresenterà l’Italia nella corsa come miglior cortometraggio agli Oscar del prossimo anno.

«Sono profondamente emozionato – ha detto Grande commentando il risultato – nel ricevere questo riconoscimento che ripaga i grandi sacrifici fatti in questi anni. Ringrazio quanti mi hanno affiancato in questa avventura».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •