Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 Minuti

CATANZARO – Luca Zingaretti, Carlo Verdone, Lino Guanciale, Giuliana De Sio e Isa Danieli, Luca Argentero, Giorgio Pasotti e Mariangela D’Abbraccio…Signori: il teatro Politeama di Catanzaro diventa maggiorenne e presenta la sua diciottesima stagione. Titolo? “…è tutta un’altra storia”. Numeri? Ventiquattro spettacoli che includono la sezione Musica&Cinema e i quattro appuntamenti della Sinfonica con l’Istituto “Tchaikovsky” e l’Orchestra filarmonica della Calabria.

Ventiquattro spettacoli per un cartellone che si presenta simile a un caledoscopio accompagnato da una politica dei prezzi che incentiva abbonamenti (gli ultimi due anni sono stati da sol out, ndr) in diverse formule e non solo.

Di più. Le sorprese che si aggiungeranno alla stagione non mancheranno, promette il sovrintendente Gianvito Casadonte nel corso dell’affollata conferenza stampa di presentazione ieri mattina in uno dei foyer del teatro. Con lui i vertici della Fondazione: il direttore generale Aldo Costa, il vicepresidente Nuccio Marullo, i direttori artistici d’area Antonietta Santacroce e Giovanna Massara, il componente del consiglio d’amministrazione Alcide Lodari. A portare i saluti del sindaco e presidente della Fondazione, Sergio Abramo, il presidente del Consiglio comunale Marco Polimeni e l’assessore allo spettacolo e al Turismo Alessandra Lobello. In rappresentanza dell’Istituto “Tchaikovsky”, presente il direttore Pierfrancesco Pullia. E se gli interventi sono stati accompagnati da una visibile soddisfazione per essere riusciti ancora una volta (e facendo di conto con le risorse a disposizione) ad assicurare una ricca stagione al capoluogo di regione, è toccato al sovrintendente chiudere il giro e presentare il cartellone.

Si inaugura domenica 20 alle 21, con la lirica e due titoli: “Cavalleria Rusticana” di Mascagni e “Pagliacci” di Leoncavallo. Si tratta di una produzione del teatro: in buca la Filarmonica della Calabria, sul podio Filippo Arlia. Il terzo titolo che attinge al repertorio operistico è “La Bohème” di Puccini con cui si chiuderà la stagione il prossimo 9 maggio.

In mezzo un cartellone che si concede molta prosa ma anche danza ed eventi come gli incontri con Zingaretti e Verdone. Ed ecco alcuni degli ospiti che calcheranno le tavole del Politeama in questa diciottesima stagione. Di certo sarà tra gli incontri più seguiti quello con Luca Zingaretti, attore teatrale, televisivo e di cinema nonché doppiatore ma per tutti anima e faccia del Montalbano televisivo. Zingaretti, il 15 novembre, sarà intervistato da Fabrizio Corallo esperto di cinema e di spettacolo, sul suo rapporto con la musica e con Andrea Camilleri, naturalmente. Novembre (il 27) riserva altresì la serata con Arturo Brachetti e il suo The legend of quick change: «un varietà surrealista e funambolico», spiegano dal teatro. Dicembre si apre con una coppia di attori apprezzati: Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio in “Dracula” (il 4). «Un fiore all’occhiello per il Balletto di San Pietroburgo con le favolose e incantate scenografie e costumi e le stupende musiche di P.I. TCajkovskij e su coreografie di Marius Petipa», ed ecco la “Bella addormentata” (il 7). Per la danza arriva anche il balletto di Milano con “La vie en rose” e il Roma City Ballet con “Cenerentola”. Tornando alla prosa troviamo un classico di Edoardo De Filippo come “Ditegli sempre di sì”, “Regalo di Natale” con Gigio Alberti e Filippo Dini; “Anfitrione” con Barbara Bobulova, “Raccondino” con Dino Abbrescia. Difficile ricordare in sintesi tutti gli spettacoli di un cartellone che propone ancora Gaetano Triggiano con “Real Illusion” e il musical Ghost. Su il sipario: al Politeama si ricomincia dal numero 18!

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •