Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – La Polizia di Stato ha eseguito a Cosenza un’ordinanza di divieto di avvicinamento a carico di un ventottenne residente nell’hinterland accusato di stalking verso la compagna che lo aveva lasciato.

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Cosenza su richiesta della Procura.

Le indagini degli investigatori della Squadra mobile cosentina hanno permesso di accertare le ripetute minacce e violenze psicologiche e fisiche perpetrate dal ventottenne nei confronti della compagna che aveva deciso di interrompere la relazione. In una circostanza l’uomo avrebbe inseguito la donna costringendola a fermarsi per poter visionare il suo telefono cellulare e verificare con chi stava intrattenendo comunicazioni.

I comportamenti tenuti dall’uomo hanno provocato nell’ex compagna uno stato di ansia e di paura al punto da indurla a denunciare gli atti persecutori.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA