X
<
>

La Procura di Paola

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Lavoratori del Bangladesh sottoposti a turni anche di 26 ore con una paga di 1,50 euro all’ora.

Costretti a mangiare a terra, a differenza degli italiani ai quali invece era consentito utilizzare un tavolo, e sottoposti a condizioni disumane oltre che soggetti a minacce e insulti.

Il commissariato di Polizia di Paola, diretto dal vicequestore Giuseppe Zanfini, ha messo fine allo sfruttamento di alcuni lavoratori stranieri.

I lavoratori erano costretti a vivere in dieci in appartamenti di 70 metri quadrati, con bagni rotti e inefficienti, arrestando 5 imprenditori e due stranieri, posti ai domiciliari in esecuzione di un’ordinanza del gip su richiesta della Procura di Paola.

A tutti i lavoratori stranieri non è stato mai riconosciuto alcun diritto: non hanno mai goduto di riposi settimanali, ferie, congedi per malattia o aspettativa, né hanno mai ricevuto alcun compenso per le ore di straordinario.

Sequestrata anche un’azienda agricola di Amantea di cui i cinque imprenditori sono soci.

L’indagine è nata dalla denuncia di alcuni lavoratori, stanchi delle condizioni disumane alle quali erano costretti.

Gli indagati sono accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro di cittadini stranieri. I due stranieri svolgevano un ruolo di intermediazione, riscuotevano il denaro e rivestivano una posizione di privilegio all’interno dell’azienda.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA