Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Paola Galeone, il prefetto di Cosenza arrestato con l’accusa di aver preso denaro da un’imprenditrice (LEGGI LA NOTIZIA), «ha fornito la sua versione dei fatti con assoluta limpidità, coerenza e tranquillità. Aspettiamo le determinazioni del giudice».

LE TESI DELLA DIFESA DI GALEONE

Al termine dell’interrogatorio, l’avvocato Franco Sammarco, uno dei legali dell’indagata, ai domiciliari da alcuni giorni, ha lamentato l’eccessivo clamore mediatico della vicenda, parlando di «informazione pilotata» e ha riferito di una persona provata per le vicissitudini di cui è protagonista.

«Il giudice, al quale abbiamo chiesto la revoca della misura – ha dichiarato il legale – dovrà decidere, poi vedremo il da farsi, compreso il ricorso al Tribunale del Riesame».

Galeone, sospesa dalle sue funzioni dopo l’arresto (LEGGI), è stata ascoltata dal Gip Letizia Benigno.

«Per quanto riguarda la dottoressa Galeone non sta benissimo – ha detto Sammarco – perché è un prefetto che si trova in questo momento nella situazione che conoscete, peraltro con una particolare attenzione degli organi di informazione, anche fuori regione, direi anche un po’ innaturale, però si difende».

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •