X
<
>

Il sindaco di Praia a Mare Antonio Praticò

Condividi:

PRAIA A MARE (CS) – Era finito agli arresti domiciliari in concomitanza con l’operazione della guardia di finanza della tenenza di Scalea denominata “Amici in comune”, conclusa lo scorso 13 maggio.

Il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò, è tornato in libertà con una misura residuale dell’obbligo di firma. Potrebbe, quindi, anche essere revocato il provvedimento del prefetto di Cosenza, Cinzia Guercio, che l’aveva sospeso dalla carica di sindaco, proprio in virtù della misura restrittiva.

Ieri è stata depositata un’ordinanza, firmata dal gip del Tribunale di Paola, Rosaria Mesiti. Il provvedimento, in risposta all’istanza presentata dai difensori del sindaco, gli avvocati Roberto Le Pera e Francesco Cristiani. 

Gli avvocati di fiducia, nei giorni scorsi, avevano rinunciato all’interrogatorio che Praticò aveva chiesto successivamente all’avviso di conclusione delle indagini; avevano, però, contestualmente depositato formale richiesta di revoca o sostituzione degli arresti domiciliari, compendiata da atti e documenti, in parte nuovi, rispetto alla ordinanza applicativa della misura cautelare, in tal modo chiedendo una rivisitazione del titolo cautelare. Il gip ha accolto l’istanza difensiva nel merito della rivalutazione delle esigenze poste a fondamento degli arresti domiciliari.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA