X
<
>

L'Unical di Rende

Tempo di lettura 2 Minuti

RENDE – È allarme all’Unical dove cinque studenti iscritti a corsi di laurea dell’Università della Calabria sono risultati nelle scorse ore positivi al Covid-19.

«L’ateneo – si legge sul sito dell’università – ne ha avuto notizia solo a tarda notte, ha tempestivamente attivato tutte le misure di sicurezza prescritte dalle proprie linee guida, definite nel rispetto delle normative nazionali e regionali».

Di conseguenza, «sono state quindi sospese le lezioni in presenza per i corsi relativi all’anno e allo stesso ‘gruppo classe’ dei ragazzi positivi e sono state sanificate le aule che hanno frequentato. Queste lezioni, che saranno comunque garantite on line, riprenderanno in presenza decorso il previsto periodo di quarantena. A scopo precauzionale sono stati sanificati anche i locali della mensa».

Inoltre, «grazie ai dati registrati da Smart Campus, l’app che permette agli studenti di prenotare il posto a lezione e registrare la propria presenza in aula, l’ateneo ha tracciato tutti i contatti avvenuti nei sette giorni precedenti all’esito del tampone, che vengono trasmessi all’Asp di competenza».

Gli studenti sono iscritti a Ingegneria Meccanica (2° anno, ultimo accesso all’Unical il 12 ottobre), Statistica per l’azienda (2° anno, ultimo accesso il 12 ottobre), Scienze dell’educazione (1° anno, unico accesso il 7 ottobre), Lettere e Beni Culturali (1° anno, unico accesso il 12 ottobre), Scienze Geologiche (3° anno, nessun accesso registrato in ateneo).

Nessuno di loro è alloggiato nelle residenze universitarie.

«L’Unical – conclude la nota – sta conducendo tutte le attività di verifica necessarie, con la supervisione della professoressa Sandra Costanzo, delegata alla Sicurezza e referente Covid per l’ateneo, e il coinvolgimento dei direttori di Dipartimento e degli sviluppatori dell’app Smart Campus. La professoressa Costanzo è in costante contatto con i ragazzi, tutti già in isolamento domiciliare, e continuerà a seguirli nei prossimi giorni. Gli studenti sono stati tutti molto collaborativi nel recupero dei contatti e delle informazioni utili».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares