X
<
>

L'ospedale dell'Annunziata di Cosenza

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – “In relazione all’episodio accaduto nei giorni scorsi non possiamo che riconoscere l’errore e chiedere scusa alla famiglia che è stata involontariamente vittima di due eventi dolorosi: la perdita della propria congiunta e la mancata comunicazione, da parte di chi aveva in cura la signora e ha omesso di informare i congiunti del triste epilogo”.

Il direttore del Dipartimento Emergenza Urgenza, dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, il dottor Pino Pasqua, all’indomani dell’ accaduto e in esito all’indagine interna avviata nell’immediatezza della notizia, non esita a chiedere scusa ai familiari in nome e per conto dell’Azienda e del Commissario Straordinario, Isabella Mastrobuono.

LEGGI LA NOTIZIA DELLA MORTE DELLA DONNA

“La gestione della comunicazione ai parenti dei pazienti – ammette ancora Pasqua – che l’emergenza pandemica ci ha costretti a delegare ai sanitari, indubbiamente ha evidenziato molte lacune ed insufficienze, soprattutto in un reparto nevralgico e ad elevata intensità di cura come il Pronto Soccorso e in generale tutta l’Emergenza Urgenza. Al fine di evitare che episodi dolorosi come questo possano riaccadere, siamo pronti, in accordo con la Direzione Strategia, a rivedere il processo di comunicazione e mettere a punto, grazie alle nuove tecnologie, un’ informativa ai parenti costante e automatica”.

“Siamo anche consapevoli – ha concluso Pasqua – in perfetta sinergia con il Commissario Straordinario che, dopo la chiusura obbligata del nostro ospedale, sia il tempo di riattivare i percorsi di umanizzazione, nella sicurezza che l’emergenza pandemica impone”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares