X
<
>

Condividi:

LUZZI (COSENZA) – Scuole riaperte da domani a Luzzi. Il Tar Calabria ha accolto il ricorso presentato da ventuno genitori contro l’ordinanza del sindaco Umberto Federico che aveva disposto fino al 23 dicembre la sospensione delle attività didattiche in tutte le scuole di ogni ordine e grado, a seguito del notevole incremento dei contagi sul territorio comunale.

L’elevato numero di contagi registratosi nelle ultime settimane aveva riguardato in una percentuale importante, pari al 26%, la popolazione di età inferiore ai 18 anni. Su proposta dell’Asp di Cosenza, il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, nei giorni scorsi ha, inoltre, dichiarato il territorio di Luzzi “zona arancione” fino al 20 dicembre prossimo.

Il sindaco Federico, questa mattina, in un videomessaggio ha informato la cittadinanza circa la ripresa delle attività didattiche a seguito dell’avvenuta ricezione al protocollo del Comune della decisione dei giudici del Tar. Il primo cittadino si è detto rammaricato dover riaprire le scuole. “E’ bene precisare – ha ribadito Federico – che dopo l’ultima ordinanza i contagi sono scesi da ben 89 a sotto i 50 casi. Non a caso si sta interloquendo con l’Asp e la Regione per far tornare Luzzi in zona gialla. Quel 26% di soggetti under 18 positivi al virus rappresentato dagli studenti sta scendendo vertiginosamente. E questo è un grosso risultato. Nel momento in cui è stata emessa l’ordinanza – ha detto ancora il sindaco – sapevamo che le scuole in zona arancione non potevano essere chiuse, ma l’ho firmata, assumendomi la responsabilità, solo ed esclusivamente a tutela della salute dei bambini”.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA