X
<
>

L'arco magno di San Nicola Arcella e nel riquadro il vincitore del Premio Strega 2021 Emanuele Trevi

Condividi:

SAN NICOLA Arcella, splendido luogo dell’Alto Tirreno cosentino, al netto dei fattacci giudiziari di queste ore, tutti da verificare, è uno splendido posto con arco sul mare e Bandiera blu.

Qui trascorrono le loro estati Giulia Merenda, calabrese, regista e sceneggiatrice di certa notorietà e Michele D’Ignazio, calabrese anche lui, che vanta un bel po’ di titoli di buona letteratura per bambini pubblicati da Rizzoli.

Per vivacizzare il loro buen retiro, già dall’anno scorso, si sono inventati “La linea dell’onda” che chiama buoni maestri a realizzare corsi di scrittura, cinema, fotografia e buon vivere.

Quest’anno colpo grosso, perché per tempo, hanno coinvolto lo scrittore Emanuele Trevi, storico villeggiante di San Nicola Arcella, a tenere un peripatetico percorso insieme all’amico e celebre collega Marco Lodoli. Il vincitore del Premio Strega e Lodoli per tre giorni, dal 9 al 12 settembre, proporranno ai loro discenti di essere “Spaesati”. Ovvero andranno in giro per il bel borgo calabrese osservando, ascoltando, riflettendo e scrivendo tutti assieme.

Tra pochi giorni, il 23, un percorso simile si potrà fare con Patrizia Giancotti, abile fotografa, tra mare e terra non darà solo tecnica ma anche scoperta del proprio io.

E per quelli che vogliono apprendere cinema, il mentore è il migliore documentarista italiano. Si chiama Gianfranco Pannone e attraverso sopralluoghi, interviste e riprese in tre giorni vi farà realizzare il vostro documentario. E si potrà imparare anche dalla festa patronale a San Nicola Arcella, documentando con la giovane Roberta Basile i migliori momenti di caos creativo. Per chi vuole trascorrere tre giorni producendo ozio creativo una buona occasione a San Nicola Arcella. Ancora trovate qualche posto libero.

Per avere informazioni più dettagliate potete scrivere a [email protected]

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA