X
<
>

Giampiero, Franco e Silvio a Puerte di Obrigo

Condividi:

Prosegue il diario di viaggio di Franco, Silvio e Giampiero alla volta di Santiago de Compostela nel nome dell’amico Pino (LEGGI LA NOTIZIA), durante tutto il viaggio i tre atleti racconteranno le esperienze maturate durante il percorso in una sorta di diario tenuto sulle pagine del Quotidiano del Sud.

SCOPRI TUTTE LE TAPPE DEL DIARIO DI VIAGGIO
IN AGGIORNAMENTO DINAMICO
DI FRANCO, SILVIO E GIAMPIERO

“Partiti di buonora da San Martin, tra i compagni di viaggio della seconda tappa, oltre a zavorre e scarponi anche pioggia e vento. I ventiquattro chilometri e duecento metri, obiettivo del giorno fino ad Astorga, non si presentano semplici.

GUARDA IL VIDEO: GLI AUGURI A PINO

Per strada in cammino ormai facce familiari e con lo stesso nostro muro in testa ed un segreto privato da portare fino a Santiago de Compostela.

[editor_embed_node type=”photogallery”]78215[/editor_embed_node]

 

Sotto le suole ci scorrono prima alcuni chilometri di bitume e poi lo sterrato umido dei sentieri fino alla meta. L’approvvigionamento energetico per i ristori in corsa sono i dolci tipici locali acquistati nel medievale Puerte di Orbigo.

Affiora la stanchezza e pure qualche vescica. Il nostro proseguire cambia l’orizzonte, il tempo, ma non l’umore. Immersi in chissà dove ma certamente a distanza di civiltà, l’aria priva di monossido di carbonio ci aiuta la respirazione. Giungiamo a Cruz de Santo Toribio, eccellente punto panoramico sul centro abitato sede del nostro riposo, da dove una ripida mulattiera ci conduce giù fino ad Astorga.

SCOPRI COS’È IL CAMMINO DI SANTIAGO NELLA SCHEDA SUL PELLEGRINAGGIO

 La chitarra di un gitano accoglie i pellegrini all’ingresso della città. Stanchi e bagnati, a cinque euro sprofondiamo su un letto a castello. Domani ci attendono altri 26 km fino Foncebadon, con Pino nel cuore.”

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA