X
<
>

Il Gay pride a Cosenza

Tempo di lettura < 1 minuto

IL primo Gay pride cosentino prende vita il 1 luglio 2017 in un caldo pomeriggio d’estate, in cui omosessuali (ma anche molti eterosessuali) hanno sfilato per le strade della città per manifestare i propri sentimenti ed il proprio orientamento sessuale senza vergogna, mostrando che amare una persona dello stesso sesso non rende diversi o inferiori a coloro che, invece, ne amano una di sesso opposto. (…) Questa è la storia di un grande successo e dimostra come anche in una realtà così piccola come Cosenza si possano fare cose grandi. (…) L’amore ci rende migliori, sicuri, felici e per questo ciascuno di noi ha il diritto di manifestare il proprio liberamente. Molte volte, però, si è costretti a nasconderlo poiché mostrarlo alla luce del sole potrebbe recare alcuni problemi. È quello che è avvenuto qualche tempo fa a Ricadi (…).

Sono stralci dell’intervento della diciannovenne Bina Avato, ospitato venerdì 25 agosto all’interno della rubrica “Post Millennials”, lo spazio dedicato dal Quotidiano ai diciottenni o giù di lì (LEGGI I DETTAGLI DELL’INIZIATIVA). Neodiplomata al liceo classico, intenzionata a proseguire gli studi nel settore della comunicazione, la nostra giovane autrice affronta il tema dell’omofobia.

SCOPRI I CONTENUTI DELL’INIZIATIVA “LA CALABRIA RACCONTATA DAI POST MILLENNIALS”

È possibile leggere il pezzo in versione integrale acquistando il Quotidiano di venerdì 25 agosto dallo store digitale https://edicola.quotidianodelsud.it/webnewsstand/newsstand.php Il prossimo appuntamento con “Post Millennials” è per venerdì 1 settembre (CLICCA QUI PER ACCEDERE).

Per partecipare al progetto puoi mandare una mail all’indirizzo [email protected]

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA