X
<
>

Azzurra Della Motta

Tempo di lettura 2 Minuti

CERZETO (COSENZA) – C’è anche una giovane cosentina fra i protagonisti della trasmissione Rai dedicata alla conoscenza e alla diffusione dei principi contenuti nella Costituzione italiana. 

Sono undici i ragazzi che attraverso il racconto della loro esperienza di vita illuminano e danno corpo ai primi articoli della Costituzione: è questo il contenuto dello speciale “Il futuro passa di qui – La nostra Costituzione”, in onda, oggi, mercoledì 2 giugno, alle 19.20 su Rai Gulp e poi disponibile anche su Rai Play.

A rappresentare la Calabria e in particolare le minoranze linguistiche è Azzurra Della Motta. Sedici anni ancora da compiere, Azzurra è una studentessa del Liceo scientifico Pitagora di Rende, vive a Cerzeto, una cittadina arbereshe della provincia di Cosenza. 

A lei il compito di rappresentare l’articolo 6 della Costituzione quello che tutela le minoranze linguistiche. La ricca e variegata realtà idiomatica che contraddistingue il nostro Paese più di ogni altro Paese europeo stenta ancora a trovare una sua valorizzazione.

Eppure anche le minoranze linguistiche sono un valore aggiunto alla nostra nazione, un patrimonio culturale e artistico da difendere. Il sindaco di Cerzeto, Giuseppe Rizzo, lo dice con l’orgoglio di un italiano «bisogna tutelare le minoranze linguistiche perché rappresentano un patrimonio importante. Siamo qui da 500 anni, è questa la nostra terra dove viviamo legati anche alla nostra cultura. Anche noi abbiamo combattuto per l’Unità d’Italia. Le minoranze devono rappresentare un valore aggiunto a questa Italia».

I ragazzi che hanno partecipato al programma sono stati intervistati all’interno del loro ambiente, forti delle loro capacità, i testimonial evocano ciascuno un articolo della Costituzione: un viaggio emozionale che diviene la narrazione di speranze e ambizioni di giovani che si raccontano e analizzano il presente che stiamo vivendo.

Azzurra ha indossato l’abito tradizionale arbereshe, insieme alla mamma Nella fa parte del gruppo che ripropone le danze tradizionali da cui traspare un forte senso di appartenenza a una cultura ricca e preziosa.

Una comunità, quella arbereshe, dove è forte il senso dell’accoglienza.

«Abbiamo istituito lo Sprar anche nella nostra cittadina  – dice il sindaco di Cerzeto – e accogliamo molti migranti, è un segno di riconoscenza perché anche noi siamo stati accolti in questa terra meravigliosa».

 Ecco i nomi dei giovani che vedremo in tv insieme ad Azzurra: Sokhna Fall di Montecatini Terme, Mattia D’Angelo (Roma), Giulio Gaetti (Cerveteri, Roma), Luisa Rizzo (San Pietro in Lama, Lecce), Anna Dal Ben (Monastier, Treviso), Sahishnavi Kumaravel (Genova), Lucia Modesto (Matera), Cesare Di Porto (Roma), Andrea Costa (Recco, Genova), Ibrahim Kondeh (Duino, Trieste). 

Un racconto corale che parte dalle loro biografie, dal loro impegno nel sociale, nello sport, nel volontariato ecologico, nell’espressione artistica, per raccontare, senza retorica, i principi fondamentali della Costituzione che si intrecciano con la vita di ciascuno.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA