X
<
>

Il maestro Francesco Perri

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Parte da un piccolo centro calabrese, Paterno (Cosenza), il progetto pilota per una visione innovativa del suono orchestrale. Si chiama Vao, acrononimo di Virtual acustic orchestra, e lo propone l’associazione musicale Aura, tramite progetto regionale.

L’obiettivo è far emergere la musicalità del territorio in un concerto combinato tra un’orchestra reale con la sua omologa virtuale.

“Vogliamo ripensare alle sonorità orchestrali – dice il maestro Francesco Perri, compositore e direttore – tenendo conto che con la tecnologia è possibile continuare a ricreare modelli di strutture sonore fino ad ora impensabili. In questa direzione saranno predisposte delle specifiche azioni di soundmapping e soundscape finalizzate al recupero del paesaggio sonoro di un territorio individuato nell’area geografica del comune di Paterno Calabro – aggiunge – per poi procedere all’analisi ed allo studio della contaminazione ambientale”.

Il progetto Vao, che partirà il 3 maggio per concludersi a fine luglio, realizzerà tre concerti orchestrali acustici e digitali che si terranno a Crotone, Paterno ed a Forte dei Marmi, in Toscana.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares