X
<
>

Un tratto della strada crollata a Girifalco

Condividi:

CATANZARO – Cresce l’allerta in Calabria per la forte ondata di maltempo che ha colpito il sud Italia. “Su tutto il settore ionico e sull’entroterra – spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo – sono in corso violenti nubifragi”. In circa 36 ore sono caduti oltre 250 millimetri di pioggia per metro quadrato.

LEGGI TUTTE LE PREVISIONI PER L’ALLERTA ROSSA IN CALABRIA

La situazione nel Reggino

L’aeroporto di Reggio Calabria è stato temporaneamente chiuso, nel primo pomeriggio, a causa del maltempo che sta flagellando la Calabria. Un volo è stato dirottato su Lamezia Terme prima della riapertura dello scalo dello Stretto. La situazione del maltempo sull’intera provincia è seguita dall’unità di crisi attivata già nella serata di ieri dal prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari, con la segnalazione di diverse strade chiuse o difficilmente percorribili a causa di allagamenti e frane. 

Alcune famiglie che abitano in frazioni di Melito Porto Salvo, ha riferito la Protezione civile regionale, sono state evacuate a scopo precauzionale dopo che la fiumara Tuccio ha rotto un argine mettendo a rischio alcune abitazioni. Nella stessa zona è a rischio isolamento un istituto per disabili per un muro, sull’unica strada di collegamento, che rischia di crollare. Sorvegliato speciale il fiume Budello, a Gioia Tauro, che per due volte ha superato il livello di guardia durante la notte e che in passato è esondato più volte.

AGRICOLTURA IN GINOCCHIO: DANNI INGENTI

A preoccupare è la Locride viste le alluvioni che hanno indebolito il territorio nel 2015 e nel 2016. Smottamenti e allagamenti della sede stradale e di scantinati, sono segnalati in diverse zone del Reggino, l’area più colpita dall’ondata di maltempo che sta interessando la fascia ionica calabrese. A Motta San Giovanni e Montebello Ionico, gli smottamenti rendono difficoltoso il raggiungimento di alcune frazioni, ma secondo quanto riferito dai vigili del fuoco i disagi sono in via di soluzione. Anche una frazione di Rosario Valanidi è al momento isolata per una frana sulla strada di accesso. Gli allagamenti della sede stradale e la pioggia intensa, che riduce la visibilità, stanno creando problemi alla circolazione sulla statale 106 Ionica nella Locride dove si procede a passo d’uomo. A Caulonia, i vigili del fuoco stanno intervenendo per soccorrere alcuni automobilisti rimasti con la vettura in panne.

Anche il Catanzarese in crisi

Strade allagate a Catanzaro e in altri comuni dell’area sud della regione. A Girifalco, centro in provincia di Catanzaro, è crollato un tratto della tangenziale. La circonvallazione, così come reso noto dall’Amministrazione comunale, collega la strada provinciale per Amaroni e la strada provinciale per Monte Covello. Il crollo è avvenuto non lontano dalla sede del liceo scientifico ed ha travolto anche un’autovettura in sosta. La strada è stata chiusa completamente al transito, mentre l’Amministrazione comunale ha convocato un tavolo di lavoro “per fare il punto della situazione di disagio causata dalle avverse condizioni meteorologiche”. Il Comune ha suggerito “di ridurre al minimo, per quanto possibile, gli spostamenti”. 

Sempre nel Catanzarese disagi sono segnalati a Petronà per una frana sulla strada che i mezzi stanno rimuovendo ed a Squillace, dove un torrente ha esondato ma senza provocare problemi particolari. Disagi sono segnalati anche a Falerna, dove un sottopasso ferroviario è stato chiuso perché completamente allagato.

L’analisi della Protezione civile

Nebbia intensa in diversi centri montani e premontani, mentre lungo la costa ionica si registrano mareggiate. Anche la Protezione civile della Calabria conferma lo stato di emergenza: “In poco più di 12 ore – sottolinea all’Adnkronos Carlo Tansi, dirigente della Protezione civile regionale della Calabria – in molti punti le piogge hanno oltrepassato i 200 millimetri. In particolare le aree più colpite sono Fabrizia (Vibo Valentia), nel reggino Santa Cristina d’Aspromonte, Staiti, Bruzzano Zeffirio, Melito Porto Salvo, Gioia Tauro e anche Girifalco (Catanzaro).

ESONDATI ALCUNI TORRENTI NELLA LOCRIDE 

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA