Tempo di lettura 2 Minuti

Il presidente del Crotone auspica che l’allenatore della promozione in Serie A possa guidare ancora un anno la squadra calabrese nelle difficili sfide del campionato maggiore

CROTONE – Il campionato di Serie B è ormai agli sgoccioli e la stagione per il Crotone ha dato molto di più che ci si attendeva con una cavalcata trionfale verso la storica promozione in Serie A. Adesso il nodo riguarda il futuro e se da un lato si sta già lavorando alla realizzazione di un impianto sportivo degno della massima serie calcistica (LEGGI LA NOTIZIA) dall’altro si guarda agli assetti societari e alla programmazione per disputare un campionato decoroso. Il dubbio principale riguarda il tecnico che dovrà guidare i pitagorici in Serie A. L’allenatore del trionfo Ivan Juric potrebbe lasciare Crotone cedendo alle sirene di altre squadre ma per il presidente Raffaele Vrenna la decisione ancora non è stata presa: «Spero che Ivan rifletta e ci ripensi. È ancora sotto contratto con il Crotone – ha spiegato Vrenna – decideremo insieme, comunque, cosa fare».

Vrenna ha fatto la sua dichiarazione rispondendo alla domanda di uno studente del liceo classico “Pitagora” aggiungendo, inoltre, che «se Juric restasse con noi avremmo già l’allenatore per il prossimo anno. Altrimenti dovremo cercarlo». Per il momento Juric, che giunse a Crotone lo scorso anno dopo che la squadra si era salvata dalla retrocessione alle ultime partite (LEGGI LA NOTIZIA DELL’INGAGGIO DI JURIC) non risponde, rinviando a fine campionato ogni chiarimento sul futuro del suo rapporto col Crotone. 

Nel frattempo sul fronte strettamente giocato si è svolta la seconda giornata di lavoro settimanale in preparazione della gara casalinga contro la Virtus Entella, ultima partita della stagione, in programma venerdì 20 maggio alle ore 20:30 allo Scida. I calabresi hanno svolto una seduta pomeridiana e il menu odierno giochi di posizione, partita a 3 squadre e, per chiudere la sessione, una partitella. A parte hanno lavorato Delgado, Festa e Paro. 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •