X
<
>

Simy mostra alle telecamere il messaggio contro la violenza della polizia in Nigeria (Foto Francesco Mazzitello/LaPresse)

Tempo di lettura < 1 minuto

CROTONE – «Ai nostri eroi caduti, a tutte le nostre famiglie ferite, a tutti i nostri genitori, fratelli e sorelle col il cuore spezzato, io non riesco a trovare le parole giuste per potervi confortare abbastanza dal vostro grande dolore, ma posso promettervi una cosa oggi: le nostre lacrime e quelle dei nostri Caduti non saranno invano. Il cambiamento sta per arrivare». Con questo post sul suo profilo instagram con la foto dell’esultanza dopo la rete alla Juventus, l’attaccante del Crotone, Nwanko Simy, ha portato all’attenzione quanto sta accadendo nel suo paese d’origine la Nigeria.

Dopo la rete segnata su rigore a Buffon, Simy ha mostrato una maglia con la scritta End policy brutality in Niogeria (stessa cosa ha fatto Osimhen, attaccante nigeriano del Napoli dopo la sua prima rete in Italia).

In Nigeria quello della violenza della polizia ed in particolare della SARS, la Squadra Speciale Anti Rapina, è un tema caldo. Da otto giorni i cittadini nigeriani protestano con manifestazioni di piazza il loro dissenso contro le abitudini dei poliziotti senza freni e controlli.

Il Governo nigeriano ha sciolto la SARS, sostituendola con la SWAT, ma non sembra essersi placata la violenza delle forze armate nazionali.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares