Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto

Diciotto giocatori, di cui 9 minorenni, e il massaggiatore della juniores della Nuova Gioiese sono stati colpiti da un provvedimento di Daspo

REGGIO CALABRIA – Praticamente una intera squadra di calcio, diciotto giocatori (9 dei quali minorenni), della juniores della Nuova Gioiese ed il massaggiatore, sono stati sottoposti a un daspo di due anni emesso dal Questore di Reggio Calabria Raffaele Grassi con obbligo di presentazione alla polizia per lo stesso periodo di durata del daspo.

Secondo quanto illustrato dagli investigatori alla base del provvedimento c’è stata una «violenta aggressione nei confronti dei giocatori della Cittanovese che ha visto coinvolti anche i tifosi della Nuova Gioiese» avvenuta nella gara del 2 febbraio valida per il campionato regionale juniores.

Nei giorni scorsi, la Cittanovese, in una nota, aveva parlato dell’episodio come di «una vergognosa pagina di teppismo e prevaricazione». Mentre nella ricostruzione della polizia, dopo l’aggressione dei giocatori, anche i sostenitori della Nuova Gioiese «si sono infervorati a tal punto da scavalcare la rete di recinzione, entrare nel rettangolo di gioco e aggredire a loro volta tutti i componenti della Cittanovese». I daspo sono stati convalidati dall’autorità giudiziaria.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •