X
<
>

Il luogo dell'omicidio

Condividi:

REGGIO CALABRIA – La figlia lo precedeva in auto ed ha sentito gli spari che hanno ucciso suo padre. Un uomo di 66 anni, Bruno Ielo, tabaccaio incensurato, è stato ucciso a colpi di pistola nella tarda serata di ieri alla periferia di Reggio Calabria. E’ accaduto poco prima delle ore 22 sulla statale 18, sul ponte di località Spontone, nel quartiere di Catona, all’estrema periferia nord della città. L’uomo, che aveva una tabaccheria nel quartiere di Gallico, adiacente a Catona, stava rincasando in direzione Villa San Giovanni a bordo dello scooter, seguito a breve distanza dalla figlia che invece era in auto quando ha sentito i colpi. L’uomo è stato ferito mortalmente, per lui nulla da fare, si è accasciato al suolo morto, ancora in sella allo scooter e con il casco ancora allacciato.

Stando ai primi rilievi l’uomo sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola, è stato raggiunto alla mano e alla testa dai colpi. I sanitari del 118 hanno potuto solo constatarne il decesso. Sul posto sono intervenute le volanti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, diretto dal vice questore aggiunto Luciano Rindone e dal vice Sandra Manfrè, e gli investigatori della squadra mobile diretta dal primo dirigente Francesco Rattà, giunto sul posto insieme al dirigente della sezione omicidi della mobile, il commissario capo Gesualdo Masciopinto.

I rilievi sono stati eseguiti dagli specialisti del gabinetto regionale di polizia scientifica. Sul posto sono stati trovati due bossoli calibro 7.65 e una pistola. Al momento va chiarito se si tratta dell’arma usata per uccidere Ielo o di una pistola di proprietà del tabaccaio. La vittima era scampata nel novembre dello scorso anno a un tentativo di rapina a mano armata finito male (LEGGI LA NOTIZIA) durante il quale Ielo era stato ferito alla bocca da un colpo di pistola esploso da un rapinatore. Gli investigatori stanno sentendo i familiari, per tentare di capire il movente.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA