X
<
>

Un arresto dei carabinieri

Tempo di lettura 2 Minuti

BRANCALEONE (REGGIO CALABRIA) – Simone Cuppari, 36 anni, capo della omonima ‘ndrina reggina proveniente da Brancaleone, elemento di spicco di un’associazione per delinquere di stampo mafioso dedita prevalentemente al traffico di sostanze stupefacenti e riciclaggio, con base a Francavilla al Mare (Chieti) e ramificazioni in tutta Italia, già sfuggito alla cattura nel mese di febbraio 2017 nel corso dell’operazione, denominata “Design”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di L’Aquila e condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Chieti, è stato localizzato ed arrestato dagli uomini dell’Arma teatina in un’abitazione anonima della provincia di Bergamo.

Il boss, su cui pende una condanna di primo grado a 28 anni di reclusione per traffico di cocaina emessa dal Tribunale di Chieti lo scorso mese di luglio a conclusione dell’operazione “Shot 2009”, nonché 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla DDA di L’Aquila, di Reggio Calabria e dal Tribunale di Pescara era riuscito a sfuggire alla cattura nell’ambito delle operazioni ”Sparta” e “Banco Nuovo” condotte dai Carabinieri di Pescara e di Locri.

Secondo quanto accertato, i contatti con la Calabria li teneva attraverso i classici “pizzini” e lui, che pure non era solito parlare a telefono, alla fine è stato tradito proprio da una telefonata intercettata: quella con cui ha prenotato una vacanza per la settimana di Ferragosto che avrebbe dovuto trascorrere insieme a moglie e due figli a Eraclea Terme. La latitanza di Simone Cuppari  è finita ieri pomeriggio intorno alle 15 a Martinengo in provincia di Bergamo. Cuppari è considerato un “vangelista”, ovvero uno dei vertici della ‘ndrangheta che partecipa alle riunioni dei comitati provinciali per le decisioni.

I militari lo cercavano da febbraio dell’anno scorso quando riuscì a scampare al blitz con 19 arresti che portò a smantellare una cellula ‘ndranghetistà in Abruzzo. Cuppari in quell’occasione riuscì a sfuggire alla cattura, ma da quel momento i carabinieri di Chieti non gli hanno dato tregua tenendo sotto controllo audio e video decine di utenze telefoniche e possibili nascondigli e soprattutto monitorando i movimenti fra la Calabria e l’aeroporto di Orio al Serio o di alcuni personaggi che, come si è scoperto, portavano “pizzini” nell’area bergamasca che raggiungevano in aereo per poi ripartire in giornata.

Cuppari, che al momento dell’arresto non ha detto un parola, viveva in una palazzina dove aveva preso in affitto un appartamento tramite un prestanome: a quell’ora era uscito forse per fare la spesa, ma i carabinieri avevano circondato l’intero edificio. L’operazione che ha portato alla cattura è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Chieti e tenuta dal vice comandante della Legione carabinieri Abruzzo e Molise, il colonnello Antonio Buccoliero, dal comandante provinciale dell’Arma colonnello Florimondo Forleo e dal comandante del nucleo investigativo del comando provinciale di Chieti, il maggiore Marcello D’Alesio.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares