X

Tempo di lettura < 1 minuto

VILLA SAN GIOVANNI (REGGIO CALABRIA) – Avrebbe dovuto essere a scuola dove lavorava ma i finanzieri di Reggio Calabria l’hanno trovato sereno a bordo piscina. L’uomo, impiegato in un istituto scolastico, infatti, si allontanava dal lavoro per andare a nuotare approfittando del trasferimento nella succursale.

Secondo quanto appurato dai militari, «l’uomo – sostengono i finanzieri – si presentava nell’istituto scolastico per passare il badge salvo poi riuscire per andare a nuotare in una piscina privata a gestione familiare giustificando le assenze con delle autocertificazioni e delle certificazioni mediche false fatte utilizzando indebitamente l’intestazione e le sottoscrizioni di una nota clinica».

Per smascherare l’impiegato assenteista è stata necessaria una lunga attività di pedinamento e osservazione. L’uomo, dipendente in una scuola di Villa San Giovanni è stato arrestato in flagranza di reato con le accuse di false attestazioni o certificazioni e di truffa aggravata ai danni dello Stato mentre sono stati applicati i provvedimenti previsti dalla legge Madia ai fini dell’interruzione del rapporto di impiego.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares